bianconerinews.eu-fagioli-primavera
(Photo by Kevin C. Cox/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

ATALANTA JUVENTUS PAGELLE – Non era facile dare continuità alle belle vittorie maturate contro Empoli e Atletico Madrid. La Juventus Primavera crolla a Zingonia e viene sommersa di reti da un’Atalanta che nel secondo tempo si mostra troppo forte.

GAROFANI 6: non ha grosse colpe sui gol subiti, davvero un’impresa riuscire a bloccarle tutte oggi.

LEO 5.5: comincia bene mettendo una discreta quantità di palloni in mezzo, si spegne man mano che i minuti passano

DRAGUSIN 4.5: contro la velocità degli attaccanti atalantini la sua lentezza è un punto debole che viene preso di mira che viene sfruttato più volte.

GOZZI 4: si fa bucare troppo spesso, nel secondo tempo va completamente in bambola.

ANZOLIN 4.5: i suoi cross non si vedono mai. E in difesa non è che riesca a concludere molto.

TONGYA 6: prova a combinare qualcosa in attacco, ma non riesce ad essere particolarmente efficace. Sostituito per non fargli disperdere preziose energie in vista dei prossimi impegni. Dal 1′ st RANOCCHIA 5: deve far fiatare Tongya e non farlo rimpiangere, ma fallisce il compito. Entra in campo e gli avversari fanno ciò che vogliono.

AHAMADA 5.5: non comincia neanche male, quando l’Atalanta sale in cattedra il suo filtro scompare completamente. Dal 31′ st FRANCOFONTE S.V

FAGIOLI 5: fa davvero male vederlo così in ombra. Pochi passaggi e pochissime volte palla al piede. Dal 17′ st LEONE 5.5: non può fare miracoli entrando sul 4-0.

SENE 5.5: è l’unico che prova a combinare qualcosa in attacco. Va vicino al gol nel primo tempo, poi il vuoto come gli altri.

ABOU 5: se nel primo tempo prova a mettersi in mostra, nel secondo tempo non tocca mai palla. Dal 17′ st DA GRACA 5: non incide minimamente, entra quando la partita è già compromessa.

STOPPA 4.5: teoricamente è in campo, in pratica non tocca mai palla. Lo si vede solo in qualche pressing, ma non riesce proprio a rendersi utile. Dal 17′ st SEKULOV 5.5: impossibile riaprire la partita quando la squadra ha appena alzato bandiera bianca

ZAULI 5: il banco di prova viene fallito senza se e senza ma. La sua squadra ha tanta qualità, ma serve un bagno di umiltà alla squadra e una condizione fisica e mentale da ritrovare.

Dario Lombardi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.