bianconerinews.eu-chiellini-morso-suarez-italia-uruguay-2014-mondiali
(Photo by Matthias Hangst/Getty Images)
Tempo di lettura: < 1 minuto

CHIELLINI – In uno dei passi della autobiografia appena pubblicata, Giorgio Chiellini torna sull’episodio in cui fu morso da Luis Suarez durante la partita Italia-Uruguay del mondiale 2014. Questo il suo pensiero su Suarez: “Ammiro la sua malizia, se la perdesse diventerebbe un attaccante normale. Non è successo niente di strano quel giorno nella Coppa del Mondo del 2014. Ho marcato Cavani per la maggior parte della partita, un altro ragazzo complicato da marcare e contro il quale non ci siamo risparmiati niente. Improvvisamente ho notato che mi avevano morso la spalla. E’ successo e basta, ma questa è la sua strategia di contatto nella lotta corpo a corpo e, se posso dirlo, è anche la mia. Lui ed io siamo simili e mi piace affrontare attaccanti come lui. L’ho chiamato io dopo un paio di giorni ma non c’era bisogno che si scusasse. Sono anche io un grande figlio di puttana in campo e ne sono orgoglioso. La malizia fa parte del calcio, non la chiamo irregolarità. Per superare un rivale devi essere intelligente”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.