Conferenza stampa Allegri: “Domani gioca Ronaldo. Dobbiamo fare attenzione al Cagliari”

CONFERENZA ALLEGRIMassimiliano Allegri è intervenuto in conferenza Stampa per presentare la gara con il Cagliari.

LA GARA – “Domani dobbiamo vincere la partita. La dimostrazione di Empoli, dove abbiamo avuto delle difficoltà perché siamo partiti bene ma poi ci siamo addormentati, è che non abbiamo partite facili. Giocare contro la Juve è per tutti una sfida dove fare risultato positivo è per la squadra avversaria un traguardo importante da ricordare. Noi dobbiamo avere grande rispetto per gli avversari e tenere alta la concentrazione. Le partite vanno vinte sul campo e non possiamo lasciare punti per strada. Il campionato è molto lungo e non possiamo sbagliare. Il campionato è diverso dalla Champions e ci vuole molta più attenzione perché in Champions, essendo meno partite, siamo più attenti. In campionato è diverso e possiamo mettere tutto a rischio se non siamo attenti ai cali di tensione. Abbiamo subito paradossalmente meno con il Genoa che ad Empoli. Il Cagliari corre più di tutti, hanno tecnica, sono forti sulle palle inattive e sui cross. Pavoletti è molto bravo ad attaccare l’area. Noi dobbiamo vincere nel nostro stadio e poi prepararci bene per il Manchester. Abbiamo una settimana importante e veniamo da una settimana di riposo: dovevamo recuperare energie fisiche e mentali”.

RONALDO – “Ronaldo essenziale? Quando hai giocatori così è normale che segnino, ma alla Juve segnano anche altri come Dybala e Mandzukic. Domani dobbiamo ritrovare anche il gol su palla inattiva”.

AVVERSARIE – “Inter e Napoli stanno facendo bene, hanno lasciato pochi punti per strada. Pensiamo a domani, poi si pensa al resto. Per fare questo bisogna avere grande rispetto dall’avversario. Noi creiamo di più e abbiamo una percentuale realizzativa più bassa. Tra questa percentuale c’è la mancanza di gol su palla inattiva”.

INFORTUNATI – “Domani saranno out Chiellini e Bernardeschi mentre torneranno Mandzukic e Khedira”.

CHAMPIONS – “Mi sento un allenatore che ha grande piacere di andare al campo. Stiamo lavorando quest’anno per raggiungere quello che è l’obiettivo che in questi anni non siamo riusciti a raggiungere perché  ci vuole anche un pizzico di fortuna. La Juve ha giocato due finali in quattro anni e non è poco. Gli altri due anni siamo stati eliminati immeritatamente. Manca solo la vittoria ma non deve essere un’ossessione perché ci vuole anche la fortuna. Io non sono un privilegiato ma mi sento fortunato ad allenare la Juventus. Questa formazione può ambire a vincere la Champions ma non è scontato che la vinca, così come non è scontato che vinca il campionato. Quest’anno la favorita a vincere la Champions è il Barcellona. Noi siamo tra le prime quattro candidate ma ci vuole calma: prima di tutto pensiamo al passaggio del turno. Ora pensiamo al Cagliari perché questi punti vanno portati a casa. Io non sono scaramantico sulla Champions, sono realista e obiettivo”.

BERNARDESCHI – “Ci vuole molto equilibrio. Federico ha fatto passi da gigante soprattutto nella testa. Nelle prime partita è stato dipinto come un grandissimo giocatore ma dopo la Nazionale ha avuto un problema e lo abbiamo trascinato. Ora l’ho fermato perché ha questo problema e deve risolvere. Ecco perché c’è stato un calo. Ci vogliono calma ed equilibrio e non farsi prendere da facile entusiasmo. Federico deve ancora crescere sotto l’aspetto mentale, è giovane e ha fatto un balzo in avanti gigantesco, ma deve ancora trovare la giusta maturità. Vale per lui come per Rugani e tanti altri giovani. In Italia ci facciamo prendere troppo dall’entusiasmo ed è sbagliato”.

FORMAZIONE – “Pjanic e Matuidi giocano. Per quanto riguarda il terzo dovrò scegliere tra Bentancur, Cuadrado o Khedira, anche se penso di inserirlo gradualmente. Dietro rientrerà Cancelo, giocherà Bonucci e mi manca un centrale. A sinistra o De Sciglio o Alex Sandro. Il brasiliano potrebbe giocare direttamente mercoledì. Davanti gioca Ronaldo e devo capire chi far giocare al suo fianco. Mandzukic sta bene, aveva bisogno di recuperare energie, non so se giocherà. Vediamo se a centrocampo giocheremo a 3 o a 2. Anche Douglas Costa sta tornando bene. In porta gioca Szczesny”.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.