bianconerinews-juventus-inter-ronaldo-cristiano-ok
Getty Images
Tempo di lettura: 3 minuti

CRISTIANO RONALDO – Il fuoriclasse della Juventus Cristiano Ronaldo ha parlato, assieme al coach Maurizio Sarri, del prossimo match di Champions League che i bianconeri giocheranno contro la Lokomotiv Mosca. Seguite il live su Bianconerinews.eu

Juventus

“Penso che la squadra stia facendo meglio, abbiamo più fiducia in noi stessi, giochiamo diversamente , più in attacco. Il mio ruolo è simile o forse ho più libertà.Sono contento, paso dopo passo ci troviamo dove deve essere la Juventus. Tutto è cambiato, ma siamo migliorati e abbiamo ancora del margine. Siamo contenti, siamo migliorati in maniera graduale”

Vincere tutto

“Il calcio ogni anno ha una sfida, non solo per me ma anche per la Juve. Vogliamo vincere tutto. Credo che la Juve debba pensare in grande perché è un grande club, sappiamo che sarà difficile vincere tutto, ma penso che tutto sia possibile, in modo graduale. Non ho niente da dire sull’aspetto graduale, non conta quello ma il collettivo. Quando si vince dei premi a livello collettivo si vincono anche quelli individuali. I premi individuali vengono dopo.”

Pallone d’oro

“Non è importante chi vincerà il pallone d’oro. Abbiamo fatto una stagione fantastica, ho vcominciato bene quest’anno, e l’aspetto individuale non conta. Conta il collettivo, se domani vinciamo abbiamo il 50% di possibilità di passare il turno.“

Differenza anno scorso

“Come ho detto prima abbiamo un allenatore diverso, nuovi giocatori, nuovi sistemi. Mi piace il modo in cui vuole che la squadra giochi, è puù fiduciosa e attacca di più. Dovevamo migliorare rispetto all’anno scorso, sono felice di questi cambiamenti perché creiamo un sacco di occasioni. Siamo in cima al campionato e siamo in alto in Champions, abbiamo cominciato bene e quello che abbiamo fatto finora ci rende orgogliosi e felici”

700 gol

“700 gol sono andati, non ci penso più. Penso ad altro, altri numeri, e poi voglio aiutare la mia squadra a vincere trofei, che è la cosa più importante. La mia priorità e vincere per la Juve e per la nazionale. I record arrivano in maniera naturale, ma io non ci penso.“

Critiche

“Sono triste quando la gente non dice la verità. Mel calcio però non ci sono molte cose che la stampa mi fa rendere triste, faccio parte di questo mondo da 17 anni, so quello che vende, ma non mi ha mai creato problemi. Nel calcio tutti possono criticare e avere opinioni, ma on è un problema. Questo è il mio lavoro, se volete parlare di quello che faccio va bene, ma per me la famiglia è più importante. Quello che mi rende felice è vincere, mi fa piacere vedere i bambini felici che si complimentano con me, questa è la mia motivazione.“

Età

“L’età non necessariamente significa che sei alla fine della sua carriera, lo posso dimostrare con le mie prestazioni. Mi sento ancora in forma, più lucido e maturo.“

Dybala Higuain

“Sono entrambi giocatori fantastici Dybala e Higuain, come Bernardeschi e Cuadrado. Abbiamo giocatori eccezionali, ognuno lavora al meglio ma è il mister che sa cos’è il meglio per la nostra suqadra, è lui che decide e noi lo rispettiamo. Non importa chi gioca o chi sta in panchina, l’importante è che siamo uniti.”

Ruolo

“Molte persone dicono che adesso gioco in un modo diverso, anche in nazionale mi fanno questa domanda, io non sono d’accordo. Ci sono diverse opinioni, ma il modo in cui viene detto sembra che io non aiuti la squadra in difesa, che non è vero. Ognuno ha il suo ruolo, se io giocassi in porta non lo saprei fare. Il mio allenatore e i miei compagni sanno il mio ruolo e io so il loro, il nostro successo dipende solo se lavoriamo di squadra. Siamo tutti insieme. Nessuno mi ha chiesto della Lokomotiv?”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.