bianconerinews-demiral-merih-juventus
Getty Images

JUVENTUS DEMIRAL MARCHISIO – Merih Demiral è a favore dell’invasione del nord della Siria da parte della Turchia. Lo fa sapere attraverso un tweet sul proprio profilo social. Opinione che divide i tifosi bianconeri sotto il post del difensore della Juventus“La Turchia ha 911 chilometri di confine con la Siria”, ha scritto a corredo di una foto in cui si vede un soldato turco assistere una bambina. “Questo – ha aggiunto – è un corridoio di terroristi. Il PKK e l’YPG sono stati responsabili della morte di circa 40mila persone, incluse donne, bambini, neonati”. (Demiral mette sullo stesso livello queste due organizzazioni curde, ma il PKK è un’organizzazione paramilitare, mentre l’YPG è in pratica l’esercito regolare curdo, ndr). Infine: “La missione della Turchia è quella di prevenire la creazione di un corridoio del terrore sui nostri confini”. Il tutto corredato dall’hashtag #OperationPeaceSpring (operazione primavera di pace), il nome in codice dell’attacco turco di queste ore. Ma non è il solo. Anche Under e Calhanoglu in queste ore hanno espresso il loro pensiero sui propri social.

Marchisio la pensa diversamente

A pensarla in maniera opposta a Demiral è Claudio Marchisio. L’ex centrocampista della Juventus si è schierato contro i bombardamenti da parte dei turchi e sui suoi social scrive: “”Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l’avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini…”, questo scriveva Anna Frank nel suo diario, nel 1942.
Oggi, 77 anni dopo, è iniziato il bombardamento della Turchia contro i Curdi in Siria. Una vergogna per tutta la comunità internazionale. Sentiamoci pure responsabili per ogni vittima”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.