ICC. Benfica-Juventus 1-1. A Grimaldo risponde Clemenza con una prodezza: i bianconeri vincono ai rigori

INTERNATIONAL CHAMPIONS CUP BENFICA JUVE – Alle 19.05 a New York è andata in scena la seconda amichevole stagionale per la Juventus, valida per la competizione estiva International Champions Cup. La gara è terminata 1-1 con due splendidi gol: Grimaldo ha portato in vantaggio il Benfica con una punizione magnifica. Eccezionale il gol di Clemenza, che ha siglato il pareggio. Dopo i 90 minuti regolamentari, le due squadre si sono battute ai rigori per decretare il vincitore.

PRIMO TEMPO – Inizio un po’ sottotono della Juventus, che nei primi minuti concede spazio al Benfica: nonostante le iniziative dei portoghesi, i bianconeri si difendono in modo ordinato. Le aquile provano a segnare il gol del vantaggio con Salvio al 9′, ma Beruatto chiude bene sull’attaccante e impedisce un tiro pulito: facile la parata per Szczesny. Sulla ripartenza la Juve si rende pericolosa, con Pjanic che pesca Cancelo  un’ottima palla in area: ci ha provato Marchisio da fuori area ma la palla è finita di poco alta sopra la traversa. Al 18′ su calcio di punizione sulla trequarti si rende nuovamente pericoloso il Benfica, con Conti che colpisce bene di testa e Szczesny che non si fa trovare impreparato. Al 23′ prova nuovamente a cercare il gol Gedson, dopo aver trattenuto Caldara ed essere partito verso la rete: il giocatore non ha angolato bene. Al 40′ lascia il campo Facundo Ferreyra, che su un cross di Bernardeschi si è scontrato in area con il compagno Jardel. Il Benfica continua ad attaccare, ma non trova il gol: molto pericolosa la respinta di Chiellini sulla palla di Salvio. Dopo 5 minuti di recupero, termina il primo tempo.

SECONDO TEMPO – Tanti i cambi in casa Juve: entrano De Sciglio, Perin, Emre Can, Alex Sandro e Rugani. Fuori Chiellini, Szczesny, Pjanic, Pereira e Beruatto. Un tiro-cross di Cancelo apre nei modi migliori in secondo tempo per la Juventus: la palla finisce poco alta sopra la traversa. Il portoghese ci prova ancora qualche minuto dopo trascinandosi la palla sulla linea di fondo e provando a beffare il portiere. Occasione anche per Khedira, che vuole provare il pallonetto, ma Odysseas non si è fatto ingannare. Al 54′ punizione pericolosa per il Benfica, ma Perin c’è! Al 61′ nuovi cambi per la Juve: dentro Barzagli, Benatia, Fagioli, Beltrame e Leandro Fernandes al posto di Caldara, Cancelo, Favilli, Marchisio e Khedira. Al 64′ Grimaldo segna su punizione un meraviglioso gol sul quale Perin non può nulla. Al 74′ entra Clemenza al posto di Bernardeschi. Il neo-entrato tira una buona punizione con Benatia che di testa incorna bene, ma trova la traversa. Al minuto 84 la Juve trova il pari con Clemenza che controlla in mezzo a due, entra in area di rigore e dalla sinistra tira un mancino a giro sul secondo palo: la rete è un capolavoro. Sempre il trequartista classe ’97 ci riprova qualche minuto dopo, con un mancino dal limite alto non di molto. Dopo 5 minuti di recupero finisce il match: è 1-1 tra Benfica e Juventus.

CALCI DI RIGORE – Inizia il Benfica con Parks che segna l’1-0. Risponde Fagioli che mette in rete l’1-1. Tocca a Jonas: Perin intuisce l’angolo, ma il suo intervento non serve perché il giocatore prende il palo. Non sbaglia invece Emre Can, che porta la Juve avanti 2-1. Samaris segna il pareggio: è 2-2. Tocca di nuovo ai bianconeri: Beltrame la mette dentro e fa 3-2. Sbaglia di nuovo il Benfica con Felix che si fa parare il rigore da Perin. L’ultimo rigore è sul piede di Alex Sandro, che non sbaglia. La Juventus vince 4-2 ai rigori!

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome