bianconerinews.eu-fagioli-primavera
(Photo by Kevin C. Cox/Getty Images)

PAGELLE INTER JUVE PRIMAVERA – In attesa del derby d’Italia a San Siro, quello visto nel campionato Primavera tra Inter e Juventus è stato un massacro per i bianconeri, sommersi 5-1 dai nerazzurri. Per Zauli c’è ancora molto da lavorare. Queste le pagelle con i voti dati ai giocatori.

Inter Juventus Primavera le pagelle

ISRAEL 6: sostanzialmente i gol avversari sono frutto di amnesie difensive, sul resto si fa trovare pronto.

LEO 5: in grande difficoltà quando si tratta di difendere, un po’ meglio quando spinge sull’acceleratore.

GOZZI 5: disorientato spesso e malvolentieri. Si becca pure un giallo tragicomico quando salta per toccare palla come un pallavolista.

RICCIO 5: anche lui appare abbastanza spaesato, si fa vedere ogni tanto con delle avanzate sui calci piazzati.

ANZOLIN 5: partita dai due volti per il terzino, che si fa sfuggire Squizzato sul primo gol e si perde Fonseca sul secondo. Serve l’assist per il gol di Sene, poi viene sostituito. Dal 46′ VERDUCI 5.5: anche lui deve patire l’arrembaggio interista sulle fasce.

AHAMADA 5: il centrocampo dell’Inter è troppo forte per lui. Sovrastato troppe volte.

RANOCCHIA 5.5: si fa vedere con alcune conclusioni dalla distanza, ma il suo apporto finisce qui. Dal 61′ LEONE 5.5: difficile creare verticalizzazioni quando la partita è ormai compromessa.

TONGYA 6: l’ultimo ad arrendersi, anche se pure lui non riesce a fare chissà cosa.

FAGIOLI 6: fa quello che può finché il ginocchio regge. Dal 34′ SEKULOV 5: fa sentire la mancanza del compagno sostituito.

MORENO 5: tanto fumo e poco arrosto. Oggi non riesce a mettere in mostra nessuna delle sue qualità, correndo spesso a vuoto. Dal 60′ PETRELLI 5.5: indietro di condizione, non tocca quasi mai il pallone.

SENE 6.5: è decisamente il più pericoloso in fase offensiva. Anche oggi segna un gran gol. Dal 74′ STOPPA S.V

ZAULI 5: i gol sono frutto di errori dei singoli, ma la difesa è comunque un porto aperto. Non riesce a dare la svolta con i cambi. La squadra non può soffrire così tanto contro le avversarie più forti, e la classifica ne risente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.