JUVENTUS LAZIO – Torna alla vittoria la Juventus e lo fa con una gara senza particolare supremazia, ma trovando la cattiveria e la caparbietà che le permette di realizzare i gol che le permettono di portarsi a casa il 2-1 contro la Lazio. Con quattro partite ancora da giocare e il distacco di otto punti dalla seconda in classifica, lo scudetto potrebbe arrivare davvero a breve.

Il primo tempo è di studio tra le due squadre, senza che nessuna si impegni particolarmente per creare azioni da gol. La Lazio, in grande emergenza, si accontenta di difendere e la Juve gioca senza affondare troppo il piede sull’acceleratore. Con un diverso modo di pressare, i bianconeri sembrano più convinti delle proprie possibilità. L’occasione migliore la trova la Lazio, quando un pallone perso da Bentancur serve Immobile che colpisce il palo con una sassata da fuori area. Anche la Juve colpisce un palo con Alex Sandro, e successivamente Rabiot si fa parare un buon tiro dalla distanza.

La ripresa si apre con il fallo di mano di Bastos che l’arbitro, dopo aver consultato il VAR, punisce con un rigore che Ronaldo non sbaglia. Passano pochi minuti, la Lazio si sbilancia in avanti e lascia un enorme spazio dietro dove Dybala può andare in contropiede e servire il libero CR7 che segna così la personale doppietta. Ronaldo non si accontenta e vuole la tripletta, riuscendo però a cogliere solo la traversa. Non succede più niente fino a quando Bonucci atterra malamente Immobile in area: Orsato fischia il penalty che il bomber biancoceleste non sbaglia. Brivido all’ultimo minuto quando una punizione di Milinkovic Savic costringe alla gran parata Szczesny, ma non c’è più tempo: la Juve vince lo scontro diretto e inizia a cucire un po’ di scudetto sulla maglia.

Juventus Lazio 2-1, il tabellino

Reti: 51′ rig. Ronaldo (J), 54′ Ronaldo (J), 83′ rig. Immobile (L)

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cuadrado, De Ligt, Bonucci, Alex Sandro; Ramsey (57′ Matuidi),  Bentancur, Rabiot; Douglas Costa (57′ Danilo), Dybala (89′ Rugani), Cristiano Ronaldo.
A disposizione: Buffon, Pinsoglio, Rugani, Demiral, Wesley, Pjanic, Muratore, Olivieri, Higuain, Zanimacchia.
Allenatore: Sarri

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, Luiz Felipe (90′ Falbo), Acerbi; Lazzari (90′ Moro), Milinkovic-Savic, Cataldi (75′ A. Anderson), Parolo, Djavan Anderson (67′ Vavro); Caicedo (67′ Adekanye), Immobile.
A disposizione: Proto, Guerrieri, Armini.
Allenatore: S. Inzaghi

Ammoniti: 36′ Anderson (L), 60′ Alex Sandro (J), 82′ Bonucci (J)

Arbitro: Orsato
Assistenti: Manganelli – Preti
IV Uomo: Piccinini
VAR: Mazzoleni
AVAR: Schenone

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.