bianconerinews.eu-juventus-sarri
(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

JUVENTUS UDINESE SARRI – Archiviata la qualificazione agli ottavi di Champions League, la Juventus è intenzionata a riconquistare il primo posto in classifica attualmente occupato dall’Inter. La squadra sta attraversando un momento delicato, complici anche i tanti infortuni che hanno costretto Sarri a correre ai ripari. Il tecnico dei bianconeri è intervenuto nella conferenza stampa pre Juventus-Udinese e ha fatto il punto della situazione sulla squadra. Ecco le sue parole.

Contro l’Udinese

“Le gare di Champions portano via tanto dal punto di vista mentale e nervoso, dobbiamo fare un passo in avanti. Gotti persona di grande intelligenza, sono contento che lui abbia questa opportunità importante che mi dicono lui non voglia neanche avere. Ha intelligenza particolare e spiccata.”

Douglas Costa e Bentancur

“Stanno bene con dei presupposti diversi: Bentancur è stato fermo tre giorni mentre Douglas venti. È chiaro che uno stop di tre giorni non va a incidere sulla condizione fisica mentre uno di venti sì. Ieri si sono mossi bene entrambi, su Douglas ho la riserva sulla tenuta. Bentancur sta evolvendo come giocatore e penso che avrà un futuro da top player.”

Juventus più aggressiva

“Aggressiva non ha niente a che vedere con offensiva. Offensiva è la mentalità, non conta il numero di attaccanti, per me il modulo più difensivo del mondo è 3-4-3. Per fare giocare contemporaneamente quei tre giocatori ci vogliono determinate condizioni. Ci deve essere il presupposto che ci fa pensare di giocare con determinati giocatori.”

Ramsey

Ramsey fino ad oggi non è stato a disposizione, ha svolto allenamenti differenziati. Dalle relazioni che ho procede piuttosto bene, oggi farà una parte di allenamento insieme al gruppo e una sempre personalizzata. Vediamo se per domani ci sarà la possibilità di portarlo in panchina.”

Cristiano Ronaldo

“In questo momento lui recupera bene dalle partite, è cresciuto notevolmente a livello di condizione fisica. La sua sensazione è che il recupero in questo momento è più rapido rispetto a giocare 90 minuti venti giorni fa. Valuteremo nei prossimi giorni in base a come uscirà dalle partite ma la sensazione su di lui è di grande crescita.”

Emre Can e Rabiot

“Non mi ha deluso Rabiot, è un ragazzo che ha avuto problemi di ambientamento normali nel nostro calcio. Quando dava la sensazione di essere in crescita ha avuto un infortunio. Ha una struttura fisica notevole, è normale che potesse mancargli un po’ di brillantezza. Ha qualità, è introverso quindi ci metterà qualche mese a trovarsi a suo agio in una realtà nuova ma ha prospettive. Emre ha subito una delusione forte e ha fatto fatica ad andare oltre. Domani vediamo, uno dei due sicuramente ma nel corso della partite probabilmente tutti e due.”

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.