bianconerinews-aulas-lione
Getty Images

AULAS LIONE JUVENTUS – La prossima settimana la Juventus tornerà a giocare in Champions League. Mercoledì 26 febbraio, alle 21:00, è in programma l’andata degli ottavi contro il Lione, in Francia. Il presidente degli avversari, Jean-Michel Aulas, ha rilasciato un’intervista a Tuttosport nella quale si è parlato anche di calciomercato.

Aulas su Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo è pazzesco e non mi stupisce che a 35 anni abbia ancora delle medie-gol incredibili. Lui o Messi? Stimo entrambi, parliamo di due fenomeni. Il numero uno, però, è Cristiano Ronaldo. Lo juventino è il più forte, il più efficace. Fosse dipeso da me, il Pallone d’Oro lo avrebbe vinto lui”.

Un pensiero su Sarri

Sarri lo metto al livello di Guardiola, Klopp, dei migliori. Al Chelsea, in un contesto complicato, ha fatto un super lavoro. Ma io stimo Sarri dai tempi di Empoli. Prima che andasse al Napoli, provai anche a portarlo al Lione. Non parlai direttamente con lui, ma con un agente. Alla Juventus può vincere la Champions e sarebbe magnifico visto che è partito dai dilettanti”. 

Aulas su Pjanic

“È il giocatore più creativo della Juventus, il miglior regista del mondo in questo momento. Non lo dico soltanto io. La pensa così anche Juninho, il maestro di Miralem. Pjanic arrivò qui a Lione adolescente, lo abbiamo allevato e mi fa un gran piacere vederlo a questo livello”.

Calciomercato

“Mi piacerebbe vedere Aouar alla Juventus in futuro e spero che sia anche la sua ambizione. Prima o poi dovrò farlo un bell’affare con il mio amico Agnelli. Per ora non ne ho mai parlato, ma so che ci sono stati dei contatti tra i nostri dirigenti. Rabiot ha mostrato soltanto il 60 per cento del suo potenziale. All’inizio ha giocato poco, infatti a gennaio ho chiesto alla Juventus Rabiot in prestito per sei mesi. Ma proprio in quel momento ha cominciato a giocare e crescere. Matuidi? Ci ho provato la scorsa estate, senza successo. Ma non mi sono arreso. Ne riparleremo a giugno”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.