Marchisio: “Non rimpiango di essere venuto allo Zenit. Cristiano ha portato più forza alla Juve”

MARCHISIO – Claudio Marchisio ha parlato ai microfoni di Sky per uno speciale servizio su di lui che andrà in onda venerdì sera. Ecco alcune anticipazioni.

NUMERO 10 – “L’ho scelto per vari motivi. L’ha portato Alessandro Del Piero, che è sempre stato il mio idolo fin da bambino. E poi era tra i numeri disponibili, sono arrivato quando la stagione era già iniziata. Come ruolo non mi considero un vero 10, ho un ruolo diverso però sono legato a questo numero e finalmente c’è stata la possibilità di indossarlo”.

DALLA JUVE ALLO ZENIT – “È stato un periodo molto intenso, è stato fatto tutto in poco tempo ma sempre con la testa sulle spalle e cercando di prendere la decisione giusta. Volevo trovare una nuova squadra per giocare di più e quindi abbiamo preso questa decisione senza nessun rimpianto perché la vita va avanti. La voglia di continuare a vincere è ancora tanta. Nello spogliatoio ne parlavo già con Chiellini e Barzagli e i loro consigli sono stati molto importanti. Ma ora pensiamo al presente, che per me è molto importante, anche perché lo Zenit vuole tornare a vincere ed è l’obiettivo di tutti. Vogliamo arrivare il più lontano possibile in Europa League e riportare il titolo qui a San Pietroburgo”.

SULLA JUVE – “È sempre la più forte, mancano ancora molte partite ma ha una rosa talmente ampia e forte che è senza dubbio la favorita. Cristiano Ronaldo ha portato ai bianconeri la sua grande professionalità nel lavoro quotidiano e questo ha alzato ancora di più la consapevolezza, la forza e la voglia di vittoria”.

SULLA NAZIONALE – “Voglio essere ancora protagonista, spero un giorno in una chiamata di Mancini. Però dipende dal commissario tecnico, ha un compito molto difficile. Ma se chiamasse, risponderei”.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome