bianconerinews.eu-bologna-juventus
(Photo by Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)
Tempo di lettura: 3 minuti

PAGELLE BOLOGNA JUVENTUS – Si è concluso il match tra Bologna e Juventus, il primo in Serie A per i bianconeri dopo la pausa causata dal Covid-19. I bianconeri si impongono al Dall’Ara per 2-0.

SZCZESNY 5.5: di tiri in porta neanche l’ombra, quindi i guantoni rimangono intonsi. Qualche passaggio da brivido mette un po’ di paura alla difesa, fortunatamente la palla non entra.

CUADRADO 6: va un po’ in difficoltà nei primi minuti quando deve stare dietro a Dijks, Bentancur gli dà una mano. Migliora man mano che i minuti passano nella fase difensiva, non spinge molto in avanti.

DE LIGT 6.5: dopo 40 secondi si fa notare per un agghiacciante pallonetto indietro che, fosse entrato, avrebbe fatto il giro del mondo. Nei minuti restanti è una sicurezza.

BONUCCI 7: non ne sbaglia una di chiusura. Non una distrazione, non una indecisione, non un errore. Come diceva Bruno Pizzul “tutto molto bello”.

DE SCIGLIO 6.5: il luogo comune vuole lui sempre in difficoltà e un pericolo per la squadra in cui gioca. In partite come queste però i luoghi comuni vengono meno: Mattia mostra sicurezza in difesa e si propone anche in attacco. Un vero peccato il suo infortunio, anche per la penuria di terzini. Dal 66′ DANILO 4: ha la grande responsabilità di essere uno dei pochi terzini rimasti e a momenti si fa espellere per un’entrata da karateka. Il VAR lo salva, poi si fa ammonire per la seconda volta in meno di mezz’ora. Dopo il rigore sparato nello spazio in finale di Coppa Italia, questa espulsione. Tremendo.

PJANIC 6: non una di quelle partite che possono far pensare che il vero Pjanic sia tornato, ma almeno non fa nessun errore. E, cosa più importante, i passaggi sono precisi (pure le verticalizzazioni). Dal 70′ RAMSEY 6: dà una mano alla squadra.

BENTANCUR 6.5: molto bene in fase difensiva, bravo nel mantenere alto il suo ritmo a centrocampo e a suo agio quando esce Pjanic. Una certezza, come sempre.

RABIOT 6: tra le sorprese negli undici titolari è quello che si fa vedere di meno. Vuoi per le sue caratteristiche, vuoi per i compiti che gli vengono dati, vuoi per la posizione in campo, Rabiot non sfigura ma non fa niente di eccezionale. Una partita neutra, un po’ come la sua stagione. Dal 70′ MATUIDI 6: dà forza al centrocampo quando il Bologna prova a segnare il gol della bandiera.

BERNARDESCHI 7: alzi la mano chi avrebbe puntato su di lui. Si prende il campo con grande personalità e sbatte via le tante critiche ricevute in questa stagione. Si meriterebbe un gol per quanto mostrato stasera, e non quel palo che grida vendetta. La speranza è che questo sia un inizio e non uno squillo fugace.

DYBALA 7: finalmente un gol, uno dei suoi gol. E la sua rabbia, la sua voglia di mostrare al mondo quanto vale per davvero, per spazzare quel rigore sbagliato nella lotteria dell’Olimpico costata la Coppa Italia. Dal 79′ DOUGLAS COSTA 6: mette velocità sulla sinistra, peccato per il fuorigioco che costa il terzo gol bianconero.

CRISTIANO RONALDO 6.5: il re ha sbagliato due partite, ma non la terza. Al di là del ritorno al gol su calcio di rigore, Ronaldo è più incisivo in avanti ed è molto bello il duello con Tomiyasu, che fa una fatica incredibile a contenerlo.

SARRI 6: tira un sospiro di sollievo per la squadra che ha visto oggi, meno per la situazione terzini che diventa difficile, con De Sciglio e Alex Sandro infortunati e Danilo squalificato.

Bologna: Skorupski 6; Tomiyasu 6, Danilo 6, Denswil 5, Dijks 6; Svanberg 5.5 (56’ Palacio 6), Medel 5 (82’ Poli S.V.), Soriano 5.5 (75’ Dominguez 6); Orsolini 5 (82’ Juwara S.V.), Barrow 5, Sansone 5 (82’ Cangiano S.V.). Allenatore: Mihajlovic 5.5

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.