bianconerinews.eu-andrea-staskova-juventus-women
(Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

PAGELLE COPPA ITALIA EMPOLI JUVENTUS WOMEN – Si è conclusa l’andata dei quarti di finale di Coppa Italia tra Empoli e Juventus Women. Le bianconere hanno vinto per 6-0.

Pagelle Coppa Italia Empoli Juventus Women, i voti

BACIC 6: costretta solo ad una presa alta e ad un’uscita di piede, giusto per sporcarsi un po’ e dimostrare che anche lei ha giocato. Resta inoperosa a lungo.

SALVAI 6: pericoli zero, qualche volta si invola in avanti. Si trova a suo agio sulla destra.

GAMA 7: non c’è niente da fare in difesa, quindi pensa bene di involarsi in avanti e segnare. Dal 58′ SIKORA 6: fa qualche accelerazione sulla destra.

SEMBRANT 7: visto che la sua compagna di reparto va a segno, pensa bene di farle compagnia anche nel tabellino delle marcatrici.

BOATTIN 6.5: gara di grande concretezza condita dai soliti sprint sulla fascia.

PEDERSEN 7: lotta sia contro le avversarie che contro il campo che non la facilita, vincendo entrambe le battaglie. Dal 73′ CARUSO 6: venti minuti di solidità e concretezza.

GALLI 6.5: anche oggi una partita all’insegna della caparbietà, senza sbagliare praticamente niente.

BONANSEA 7: vorrebbe spaccare il mondo ma non ci riesce, o almeno non come vorrebbe. Deve accontentarsi degli assist sul gol di Gama e sul tris di Staskova. Solo una traversa le impedisce la gioia del gol.

CERNOIA 7: svaria sulla fascia ma di fatto si trova ovunque nel campo. Onnipresente in ogni azione della partita. Dal 62′ MARIA ALVES 6: una mezz’ora in cui mette in mostra ancora una volta tutta la sua velocità.

ZAMANIAN 7.5: a volte trequartista, a volte sulla stessa linea di Staskova, ma si rende utile in ogni zona del campo. Il gol è da vedere e rivedere.

STASKOVA 8.5: l’unico modo che hanno le avversarie per fermarla è riempirla di botte. La 2000 accusa i colpi e risponde a suon di gol. Decisamente immarcabile oggi.

GUARINO 7: sembrava rischiosa la scelta di non schierare Girelli, la squadra le dimostra che si può vincere tranquillamente senza di lei. E si ritrova una Staskova che trasforma in oro tutto ciò che tocca.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.