bianconerinews.eu-women-girelli-rosucci
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

PAGELLE INTER JUVENTUS WOMEN – Il primo storico derby d’Italia a tinte rosa tra Inter e Juventus Women si è concluso con la vittoria delle bianconere per 2-0. Impeccabili in fase difensiva e spietate in attacco, le Women portano altri tre punti a casa.

GIULIANI 6: la Juve è talmente forte che anche se non ci fosse in porta, forse non cambierebbe molto. Anche oggi tocca la palla pochissime volte, e neanche oggi è una notizia.

SIKORA 6: scatta poco in avanti. Qualche piccola difficoltà con Marinelli, molto sicura quando si trova a marcare Goldoni.

SEMBRANT 7: tanta sicurezza con le sue chiusure. Tarenzi prova a puntarla per evitare la marcatura di Gama, la svedese fa valere tutta la sua esperienza.

GAMA 7.5: Tarenzi è una cliente ostica, ma per la capitana bianconera non c’è problema. Disarmante la facilità con cui chiude ogni volta.

BOATTIN 7: stavolta a far notizia, più che le sue solite discese, sono le ottime chiusure in fase difensiva. Marinelli è tosta, ma Lisa lo è di più.

PEDERSEN 6: ordinata come sempre, non sbaglia niente. Dal 46′ MARIA ALVES 6.5: il campo zuppo d’acqua poteva limitare la sua velocità, ma la brasiliana offre ancora una buona prestazione.

GALLI 7: non c’è più da stupirsi se lei, ogni volta, gioca come sa. Tanti contrasti, tante intercettazioni: il centrocampo interista non è in grado di fermarla. Dal 67′ CARUSO 6: sulla scia della compagna sostituita.

ROSUCCI 8: più che un voto alla partita è un voto alla sua rabbia, alla sua voglia di esserci e di onorare, ogni volta, fino alla fine, la maglia bianconera. La regina è tornata al gol: bentornata Martina!

GIRELLI 7.5: quinto gol in quattro partite. Dicono che se saltelli segna la Girelli, non a caso ha segnato ancora di testa.

ALUKO 6: si fa vedere poco, ma quando lo fa mette in ansia la difesa avversaria. Dal 79′ STASKOVA 6: gioca poco, ma va vicino alla rete sul finale

CERNOIA 8: in attacco, a centrocampo, in difesa, a destra, a sinistra, al centro. Sempre a rincorrere il pallone, sempre ad aiutare le compagne e a rendersi pericolosa. E poi il gol di rabbia all’ultimo, come a dire: “ma può questa partita finire senza che faccia gol?”

GUARINO 7: se la Juve vince così facilmente una partita che aveva qualche pressione nelle premesse, è anche merito suo.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.