PAGELLE JUVENTUS LIONE – Si è concluso l’ottavo di finale di Champions League tra Juventus e Lione. La Juve vince 2-1, ma non basta: sono i francesi a passare il turno.

Pagelle Juventus Lione, i voti

SZCZESNY 5.5: incolpevole sul gol subito, patisce un po’ di paura su alcuni tiri che finiscono fuori di un soffio. In alcune situazioni non si mostra particolarmente sicuro.

CUADRADO 5: abbastanza disattento in fase difensiva, non riesce mai ad andare sotto i 30 metri dalla porta avversaria, limitandosi a dei prevedibili cross in area dalla tre quarti. Dal 70′ DANILO 6: in difesa non deve fare niente, in attacco non si vede quasi mai.

DE LIGT 6: il Lione sfonda poco in avanti, è sicuro nei suoi interventi. Sul finale viene messo in attacco per tentare il tutto per tutto, non è il suo ruolo.

BONUCCI 6: si rende protagonista di alcune buone chiusure. Peccato per quel colpo di testa che poteva portare al gol della qualificazione.

ALEX SANDRO 5.5: forse ci si sarebbe aspettato di più da lui, visto che era una partita, almeno sulla carta, in cui c’era da spingere. Spingere spinge, però di palloni buoni ne arrivano pochi.

PJANIC 5: poteva essere la sua ultima in bianconero, avrebbe voluto lasciare un ricordo migliore. Conclude la sua avventura in bianconero con l’ennesima prova scialba che ha contraddistinto questa stagione, senza mai uno spunto per la sua squadra. Dal 60′ RAMSEY 4.5: entra per fare un sacco di falli inutili. Non è quello che serve alla squadra.

BENTANCUR 5.5: dal momento che Pjanic non brilla, poteva essere il suo momento per imporsi e mostrare che il futuro è davvero suo. Lo sarà sicuramente, ma il presente dice che oggi non ce n’è. Parecchio in ombra, quasi mai in avanti, spesso nelle retrovie.

RABIOT 5.5: in alcuni tratti del match sembra quel vecchio Rabiot che vaga in campo senza una meta precisa, in altri fa qualche contrasto dei suoi. Forse avrebbe dovuto provare a fare qualche incursione, e come per tutta la squadra, la sensazione è che di più non ne aveva.

BERNARDESCHI 5.5: nel primo tempo ne salta cinque, compreso il portiere, e nel momento in cui il gol sembrava la cosa più semplice, arriva l’intervento in scivolata del difensore. Un enorme occasione sfumata in mezzo ad una partita nel complesso anonima. Dal 70′ DYBALA S.V: pochi minuti e l’infortunio. Dal 84′ OLIVIERI 6: gioca poco ma mostra quel carattere che sarebbe servito prima.

HIGUAIN 6: bisogna arrendersi all’idea che Higuain sia lo stesso che segnava caterve di gol fino a due anni fa. La benzina è poca e cerca di fare quello che può. Fallisce alcune occasioni, cerca di rendersi utile come può.

RONALDO 7: di più non gli si può chiedere. Anche perché non può essere sempre lui il salvatore della patria

SARRI 5: la partita che rappresenta la stagione. Una vittoria scialba, opaca e senza lode. La Juve esce dalla Champions e lo fa a testa bassa, la stagione si chiude con questa delusione.

Lione: Lopes 6; Denayer 6.5 (61’ Andersen 6), Marcelo 6.5, Marcal 6.5; Dubois 6 (90’ Tete S.V.), Caqueret 6.5, Guimaraes 6.5, Aouar 6.5 (90’ Mendes S.V.), Cornet 6; Ekambi 5.5 (67’ Reine-Adelaide 6), Depay 7 (67’ Dembele 6). Allenatore: Garcia 7.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.