bianconerinews.eu-fagioli-primavera
(Photo by Kevin C. Cox/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

PAGELLE JUVENTUS PRIMAVERA BAYER LEVERKUSEN – Dopo la vittoria per 4-0 in trasferta contro l’Atletico Madrid, per la Juventus Primavera allenata da Lamberto Zauli vince ancora con una goleada: 4-1 il finale all’Ale&Ricky contro un Leverkusen mai in partita. Queste le pagelle alle prestazioni dei ragazzi della Juventus Primavera.

SIANO 6: fa una parata in 90 minuti. Quando il Bayer ha la possibilità di batterlo su rigore, lo salva la traversa

LEO 7: un drago sulla fascia destra, imperioso lo stacco di testa nel gol del 4-0

DRAGUSIN 6.5: le poche volte che viene chiamato in causa respinge gli avversari con il fisico.

GOZZI 6: non deve fare niente di particolare, l’attacco del Leverkusen è impalpabile.

ANZOLIN 6.5: fa il suo dovere sulla fascia, gara di ordinaria amministrazione. Dal 59′ VERDUCI 6: si limita a svolgere con diligenza il suo compito, dalla sua parte zero pericoli.

FAGIOLI 7.5: una gara strepitosa, in cui dimostra ancora una volta che la categoria gli sta sempre più stretta. Dal 59′ LEONE 6: la gara è ampiamente chiusa quando entra in campo, non sfigura.

AHAMADA 6: agisce nel centrocampo con ordine, è lui che causa il calcio di rigore che segna Fagioli. Dal 46′ FRANCOFONTE 6: continua sulla falsa riga del suo compagno di squadra.

TONGYA 7: grande partita di quantità e qualità, sempre più impossibile pensare ad un centrocampo senza di lui.

MORENO 7: fa spesso a spallate con la difesa avversaria, svariando da destra a sinistra. Il gol arriva da bomber puro, che si fa trovare nel posto giusto, al momento giusto, senza nessuno attorno a marcarlo. Dal 70′ PETRELLI 6.5: cerca con insistenza il gol senza trovarlo, è comunque un buon debutto per lui dopo l’infortunio.

SENE 7.5: un gol e un grandioso assist per il gol di Moreno, in cui ha bruciato la fascia destra con potenza e velocità. Dal 46′ DA GRACA 6: non fa rimpiangere il compagno, mette minuti preziosi nelle gambe.

SEKULOV 6.5: non si fa vedere molto in area, ma con la sua mobilità crea spazi e tiene il pallone per far salire la squadra.

ZAULI 7: l’Europa gli porta fortuna. Forse non si aspettava un’altra goleada, di certo voleva questa squadra: solida in difesa e devastante in attacco.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.