bianconerinews.eu-juventus-buffon
(Photo by Paolo Rattini/Getty Images)
Tempo di lettura: 2 minuti

PAGELLE MILAN JUVE – Si è conclusa la prima delle due semifinali di Coppa Italia tra Milna e Juventus. Allo stadio di San Siro la partita termina 1-1.

Pagelle Milan Juve, i voti

BUFFON 7: provvidenziale sul tiro di Calabria e sull’avanzata di Rebic, sicuro su tutti i tiri dalla distanza.

DE SCIGLIO 5: vorrebbe mostrarsi con grinta, personalità e carattere, ma purtroppo per lui, questa partita verrà ricordata per aver ciccato la marcatura su Rebic. Dal 70′ HIGUAIN 5: è entrato in campo, ma non se ne rende conto nessuno.

DE LIGT 6: giornata difficilissima, ma regge bene l’urto dei rossoneri.

BONUCCI 6: affronta bene il pericolo numero uno Ibrahimovic, contrastandolo spesso e volentieri.

ALEX SANDRO 6: contenere Castillejo è difficile, affondare sull’acceleratore ancora di più. Il brasiliano deve restare piantato in difesa e chiude bene gli spazi.

PJANIC 5: se Dybala è costretto a fare il regista è anche perché la sua, di regia, è assente. E quando lui gioca così, la Juve gioca male, quasi fosse una cosa fisiologica.

MATUIDI 5.5: l’inizio fa ben sperare, con il francese che corre e pressa bene, facendosi vedere sulla sinistra. Alla lunga però emergono i soliti problemi: niente qualità, tanti cross sbagliati. Dal 73′ RABIOT 6: poco meglio rispetto al suo compagno.

RAMSEY 5.5: Sarri lo schiera a centrocampo e il gallese si mostra in buone condizioni fisiche. Si spegne man mano che passano i minuti, sbagliando qualche passaggio di troppo. Esce sapendo di aver giocato una brutta partita. Dal 62′ BENTANCUR 5.5: serve un po’ più di velocità e inserimenti, ma non cambia la situazione.

CUADRADO 6: è uno di quelli che tocca più palloni, o che per lo meno prova a farsi vedere di più. Buono il suo contributo in difesa, per lui anche un paio di conclusioni.

DYBALA 6.5: nella vigilia si diceva che sarebbe stato il falso nueve della Juve, nella realtà gioca molto lontano dalla porta, alla costante ricerca di un pallone da servire avanti, diventando quindi il regista della squadra. Preziosissimo il suo apporto in fase difensivo, lo si vede ovunque nel campo.

CRISTIANO RONALDO 6: leggere alla voce “tiri in porta” lo zero, fa un po’ strano. La solita rabbia agonistica c’è, ma se non arrivano palloni non può combinare niente. Ma alla fine, il salvatore della patria è sempre lui.

SARRI 5: cambia le carte in tavola ma non cambia il risultato. Juve che non va al di là dello sterile possesso palla e che deve ringraziare un fallo di mano al 90′ per non perdere la partita.

MILAN (4-4-1-1) – G. Donnarumma 6; Calabria 5.5, Kjaer 6, Romagnoli 6.5, Hernandez 5.5; Castillejo 6.5 (80′ Saelemaekers S.V), Kessié 6, Bennacer 6.5, Rebic 7 (73′ Laxalt S.V); Calhanoglu 6 (86′ Paquetà S.V); Ibrahimovic 6.5. Allenatore: Pioli 7.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.