Tempo di lettura: 2 minuti

PAGELLE MILAN JUVENTUS – Si è concluso l’anticipo serale della 31° giornata del campionato di Serie A tra Milan e Juventus. I rossoneri vincono 4-2.

Pagelle Milan Juventus, i voti

SZCZESNY 5.5: se nel primo tempo era intervenuto bene sui tiri subiti, nel secondo qualcosa va storto.

CUADRADO 6: il suo contributo nel primo tempo è essenziale, nel secondo tempo mette pure a referto un assist per Ronaldo. Sul crollo post rigore non ha alcuna colpa. Dal 77′ ALEX SANDRO 5: sarebbe dovuta essere una bella notizia il suo rientro, ma l’assist per Bonaventura, che porta poi al gol di Rebic, fa cambiare idea.

RUGANI 4.5: quando la Juve si sfalda, è lui a gettare per primo la spugna. Tanti sbagli sia nei passaggi che nelle posizioni, senza dare mai una parvenza di sicurezza.

BONUCCI 4: è uno sbaglio dietro l’altro nelle occasioni dei gol del Milan. Una giornata disastrosa per lui.

DANILO 5: in fase di spinta rallenta spesso l’azione della squadra. I cross e i tiri dalla distanza non sono il massimo.

BENTANCUR 5.5: primo tempo ordinato in cui fa tutto quello che gli viene chiesto, sia in impostazione che in fase difensiva. Poi tira i remi in barca. Resta in campo nella speranza che possa dare qualche sprazzo di orgoglio, ma è tutto inutile. Dal 94′ MURATORE S.V

PJANIC 5: se nei primi 45 minuti si accontenta di un minimo compitino in cui alternare passaggi elementari a qualche buon contrasto, nella ripresa sparisce completamente. Dal 68′ MATUIDI 5.5: dovrebbe contenere meglio la furia rossonera, ma non è giornata neppure per lui.

RABIOT 7: finalmente! Una gara di gran cuore, dove lotta su ogni pallone dimostrando di meritare, e non poco, la maglia da titolare. E poi quel gol lì: un lampo che aveva tenuto nascosto tutto l’anno. La dimostrazione che con la fiducia e il duro lavoro si possono fare buone cose. Adesso la parte più difficile per lui, ovvero far sì che questo non rimanga un episodio isolato. Dal 68′ RAMSEY 5.5: tocca pochissimi palloni, non incide per niente nel match.

BERNARDESCHI 5: corre senza meta, a volta senza scopo. Come sempre, dopo qualche partita buona, il crollo verticale. Non riesce proprio a trovare continuità.

HIGUAIN 5: serve velocità davanti, quella che lui non può dare. Ne azzecca poche stasera. Dal 68′ DOUGLAS COSTA 5.5: prova a dare velocità e pericolosità in avanti, non ci riesce.

CRISTIANO RONALDO 6.5: ha fame di successi e di gol, come sempre lo cerca con rabbia e, come molto spesso accade, lo trova.

SARRI 5: era pronto a sfregarsi le mani dopo il 2-0, sembrava che la squadra fosse in pieno controllo. E poi il niente. Cambia tanto e urla ancor di più nel silenzio di San Siro per spronare la squadra, invano. Cos’è successo ai suoi ragazzi non lo sa neppure lui. Arrivare alla prossima gara sarà difficile, il morale sarà sotto terra.

Milan (4-2-3-1): Donnarumma 6.5; Conti 6 (82’ Calabria S.V.), Kjaer 5, Romagnoli 5, Theo Hernandez 6.5; Kessie 7, Bennacer 6.5; Saelemaekers 5.5 (59’ Leao 7), Paquetà 5.5 (46’ Calhanoglu 6.5), Rebic 7 (82’ Krunic S.V.); Ibrahimovic 7 (67’ Bonaventura 6). All. Pioli 7.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.