Tempo di lettura: 2 minuti

PAGELLE UDINESE JUVENTUS – Si è concluso lo scontro tra Udinese e Juventus che poteva decidere lo Scudetto. La Juve perde 2-1 e rinvia di qualche giorno la rincorsa al titolo.

Pagelle Udinese Juventus, i voti

SZCZESNY 6: il primo gol era davvero imparabile. Nel resto delle occasioni dei padroni di casa ci mette una pezza. Forse poteva fare di più sul secondo gol subito.

DANILO 5: l’autogol sfiorato è il preludio ad una partita in cui soffre tremendamente la voglia di strafare di Sema. Poca roba in difesa, si propone qualche volta in attacco senza incidere. Dal 75′ CUADRADO 6: limita Sema quanto può.

DE LIGT 6.5: un gol di gran fattura, e meno male che con la sua spalla così così dovrebbe non essere in grado di giocare bene. In difesa poi è la solita sicurezza, anche se si fa saltare da Fofana nel gol decisivo.

RUGANI 5.5: fa quello che deve per chiudere gli spazi. Sul finale consegna palla a Fofana, dandogli di fatto l’assist per il gol del 2-1. Peccato.

ALEX SANDRO 5: sull’azione che porta al gol di Nestorovski è lui che dovrebbe marcarlo, ma si trova indietro di parecchi metri, dimenticando completamente di dover rientrare. Da rivedere anche quando crolla di fronte all’avanzata di Fofana. Una giornata da dimenticare.

BENTANCUR 6: molto bene nel primo tempo quando si fa vedere a tutto campo con chiusure precise e buoni passaggi. Cala alla distanza nella ripresa, in difficoltà quando l’Udinese alza il baricentro.

RAMSEY 5: non si capisce bene quale sia il suo compito a centrocampo, se deve difendere, contrastare, proporre trame, verticalizzare, inserirsi… un oggetto misterioso che vaga in campo senza capire cosa fare. Dal 60′ MATUIDI 6: controlla quanto può con il fisico le avanzate avversarie. Probabilmente però sarebbe servito qualcosa di diverso per provare ad attaccare, ma non è il suo compito.

RABIOT 6: non uno spettacolo come nelle ultime uscite, ma neppure quel pallido giocatore visto spesso fino a febbraio. Sicuro nei contrasti e negli interventi, anche nelle situazioni più difficili non perde palla.

BERNARDESCHI 5: altra giornata in cui non gira niente a suo favore. Mai uno spunto, mai un aiuto in attacco. E quando ripiega in difesa, non è proprio questa montagna insormontabile. Dal 60′ DOUGLAS COSTA 5.5: non riesce a scatenarsi, né in velocità né con i suoi dribbling.

DYBALA 6.5: si danna l’anima soprattutto quando deve tornare indietro per far ripartire l’azione. Senza di lui la Juve perde tanta qualità e inventiva, oggi però la sua prova non è bastata per vincere.

CRISTIANO RONALDO 5: prova tanti tiri dalla distanza nel primo tempo, che finiscono quasi tutti in braccio al portiere. Nel secondo svanisce piano piano, senza incidere. La strada alla Scarpa d’Oro si complica.

SARRI 5.5: l’Udinese non è certo irreprensibile e insormontabile, fallisce così la prima occasione per portarsi a casa il primo scudetto della sua vita.

Udinese: Musso 6; Becao 6.5, Troost-Ekong 7, Nuytinck 6; Ter Avest 6 (78’ Samir 6), Fofana 7, De Paul 7, Sema 7, Zeegelaar 5.5 (69’ Stryger Larsen 6); Nestorovski 6.5, Okaka 6. Allenatore: Gotti 7.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.