Tempo di lettura: < 1 minuto

PETIT BARCELLONA RAZZISMO – L’ex centrocampista francese Emmanuel Petit ha parlato di razzismo, soffermandosi sul difficile periodo al Barcellona: “Mi hanno detto che non ero in Spagna e dovevo imparare il catalano. Ho vissuto il razzismo nello spogliatoio del Barcellona. Succedeva ogni tanto, anche se con alcuni giocatori accadeva più spesso”.

Il nazionalismo catalano

Sono arrivato in un brutto momento. C’era una guerra tra i giocatori catalani e gli olandesi. L’allenatore Serra Ferrer non aveva il carisma necessario per gestire la situazione. Mi dissero di non imparare lo spagnolo, ma il catalano. Quando ho detto che ero in Spagna mi hanno risposto che ero in Catalogna. Il nazionalismo è molto vicino al razzismo”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.