Tempo di lettura: 2 minuti

SARRI – Il primo scudetto non si scorda mai. Ai microfoni di Sky, Maurizio Sarri ha parlato del suo primo campionato vinto in Serie A, senza trattenere la gioia. Queste le sue parole dopo la vittoria della sua Juventus contro la Sampdoria.

Il primo scudetto di Sarri

“Lo scudetto ha un sapore forte, particolare, vincere è difficile, ogni anno è complicato e difficile. Nello sport non c’è niente facile. Qualcosa di grandioso e particolare, dopo otto anni che vincono non era semplice. Avevo la paura della secchiata, per quello sono stato dentro”.

Infortunio Dybala

“Per Dybala è difficile, la sensazione è che ci sia un problema muscolare”.

La forza della società

“Cristiano e Dybala fanno la differenza, come la fa la società. Il presidente è un grande personaggio, sta vicino a noi. La società si sente molto qui. Bisogna capire il modo di pensare della società, entrare in punta di piedi e cambiare le cose che piacciono a me. Non si può venire dove si vince ed imporre. Lo scudetto non era scontato. Ronaldo e Dybala sono giocatori particolari, non era semplice farli convivere ma alla fine ce l’abbiamo fatta. Prima del lockdown avevamo una sensazione di solidità, ma in tantissimi hanno avuto momenti difficili in una partita”.     

Spogliatoio

“In ogni spogliatoio c’è un momento di discussione e confronto per trovare punti in comune… penso che sia qualcosa di normale, è successo ogni anno avere scambi di opinione, cercare miglioramenti. Per me è stato normale, ma credo lo sia stato in tutte le collaborazioni: è un momento da affrontare, più a viso aperto s’affronta più problemi si risolvono”.

Champions League

“Farei a meno di pensare alla Champions stasera. Almeno una notte di serenità vorrei passarla, anche i ragazzi. Ora arriva il bello e il difficile. Vediamo come ci arriviamo, come dissi subito post lockdown, ci sono squadre che ci arrivano con una partita, noi no. Abbiamo lasciato qualcuno per strada, speriamo di non aver lasciato Paulo stasera… è un torneo che non può avere previsioni, ogni squadra ha una storia particolare. Importantissimo superare il Lione. Ho la sensazione che poi a Lisbona possa succedere di tutto”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.