BIANCONERINEWS-JUVENTUS-CHAMPIONSLEAGUE.jpg
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

UEFA CHAMPIONS LEAGUE – Il Coronavirus ha fermato campionati nazionali e competizioni europee. Nell’attesa di capire se e quando il calcio ripartirà, la Uefa sta studiando le possibili soluzioni per riuscire a concludere la Champions League. Come riporta la Gazzetta dello Sport, sarebbero 4 le ipotesi vagliate. La prima è quella che tutti sperano sia realizzabile, cioè giocare tutte le 17 partite restanti come da calendario con le date, che verranno decise in seguito, comprese in 6 settimane. La seconda prevede il ritorno degli ottavi di finale restanti con quarti, semifinali e finale che si giocherebbero in gara secca, il tutto nell’arco di 4 settimane. La terza opzione è quella di giocare semifinali e finale in sede unica a Istanbul, con i tempi che si accorcerebbero a 3 settimane. L’ultima infine prevede le 11 partite dai quarti di finale in poi giocate in 11 giorni in un’unica sede, soluzione che si percorrerebbe solo in un caso estremo.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.